Post

IL SUO SPERMA (Alda Merini)

Immagine
Il suo sperma bevuto dalle mie labbra
era la comunione.
Bevevo con la mia magnifica esultanza
guardando i suoi occhi neri che
fuggivano come gazzelle.
E mai coltre fu più calda e lontana e mai
fu più feroce il piacere dentro la carne.
Ci spezzavamo in due come il timone di
una nave che si era aperta per un lungo
viaggio. Avevamo con noi i viveri per
molti anni ancora i baci e le speranze
e non credevamo più in Dio perché
eravamo felici.

ME NE ANDRO'

Immagine
Sono arrivato
in una notte di primavera 
e camminerò sempre
sulla viuzza lungo il mare sfiorando maestose piante di fichi d’india calpestando l’erba posseduta dalla brezza sentirò il profumo e la freschezza abitato dai pensieri che non vogliono tacere nel profondo me ne andrò lontano
sempre lontano 
tanto lontano vagabondando come la luce del faro guardando e accarezzando il mare e il cielo come un innamorato

ESTASI

Immagine
Davanti a me tutta la campagna come gonna scozzese nell’aria il profumo di fieno rinfrescato da una brezza marina tutto scende dolcemente fino a raggiungere abbronzati scogli c’era un grande silenzio ma quando chiusi gli occhi il rumore dei desideri
si impose con estasi

PASQUA, Auguri!

Immagine
SOLO UNA MANO D'ANGELO Solo un mano d'angelo 
intatta di sè, del suo amore per sè,
potrebbe
offrirmi la concavità del suo palmo
perché vi riversi il mio pianto.
La mano dell'uomo vivente 
è troppo impigliata nei fili dell'oggi e dell'ieri,
è troppo ricolma di vita e di plasma di vita!
Non potrà mai la mano dell'uomo mondarsi
per il tranquillo pianto del proprio fratello!
E dunque, soltanto una mano di angelo bianco
dalle lontane radici nutrite d'eterno e d'immenso
potrebbe filtrare serena le confessioni dell'uomo
senza vibrarne sul fondo in un cenno di viva ripulsa.
(Alda Merini)

«La Pasqua frantumi le nostre paure e ci faccia vedere le tristezze, le malattie, i soprusi, e perfino la morte, dal versante giusto: quello del «terzo giorno». Da quel versante le croci sembreranno antenne, piazzate per farci udire la musica del cielo. Le sofferenze del mondo non saranno per noi i rantoli dell'agonia, ma i travagli del parto. E le stigmate, lasciate dai chiodi nelle …

MI IMMISCHIO COL MARE

Immagine
La mia donna
é una cavallerizza
quando mi cavalca
io corro a perdifiato
come l'acqua
di un fiume in piena
e finisco
che mi immischio
col mare

SUPERBO

Immagine

OGNI MINUTO

Immagine
Ogni minuto
è un attimo infinito
anche quando
guardo le nuvole lassù
che corrono
tirate dal vento forte
anche quando
guardo le luci lontane
sul mare in cammino
verso la riva
anche quando
guardo un veliero silenzioso
scivolare sul mare rumoroso
anche quando guardo
le mie mani lontane
sfiorare le scie di vita

ESTASI

Immagine
Davanti a me tutta la campagna come gonna scozzese nell’aria il profumo di fieno rinfrescato da una brezza marina tutto scendeva dolcemente fino a raggiungere abbronzati scogli c’era un grande silenzio ma quando chiusi gli occhi il rumore del cuore
si impose con estasi

LO SPETTACOLO

Immagine
Oltre la veranda il mare perlaceo del tramonto col cielo nell’ultimo bagliore del crepuscolo striato da lunghe sciarpe di corallo e mentre si riuniscono ad ovest dell’orizzonte piccolo nuvole stendendosi una sull’altra ad est una minuscola luna piccola come una ciglia fluttua nel cielo

UNO SPICCHIO DI LUNA

Immagine
La sera solo uno spicchio di luna litigiosa tra gli alberi solamente una mezza luce  soffusa sottile più lontano tutto attorno il tombolo di nuvole illuminate riflette sul mare un cono di luce che dondola che si arrampica sorridente