MANI




Le foglie soffiate dal vento
turbinavano mulinelli a spirale
arrivavano fino ai piedi nostri
mille sorrisi
mille sogni nostri
nascevano
vivevano
partivano
arrivavano
attimo dopo attimo
stringendoci ancora di più
chiudo gli occhi da lontano
ti vedo sempre magicamente
come sole nuovo
che passa prepotentemente
in mezzo ai rami di quercia secolare
come acqua di mare
che passa inarrestabilmente
tra le viuzze degli scogli
così come dilagano amorevolmente
le nostre mani sui nostri corpi
quando siamo vicini

Commenti

teoderica ha detto…
Dolce musica,insistente ed immagine erotica accompagnano la tua poesia, che così fa immaginare una giornata ventosa con le foglie accartocciate che corrono nel vento...e il vento porta il ricordo di corpi avvinghiati.
Ciao erotic-man.
Adriano Maini ha detto…
Una sensualità armoniosamente naturale!
cosimo ha detto…
Hai immaginato alla perfezione, cara Paola. Hai immaginato proprio tutto!.
Oltretutto ho visto ancora, in questi giorni, volteggiare foglie, al pari di come scivolano mani di amanti
E la musica non poteva che essere carica di passionalità.
Buon fine settimana e un beso.
cosimo ha detto…
Come è armoniosamente naturale la danza delle foglie, fino ad accarezzare le panchine o la terra.
Buon w. e.!

Post popolari in questo blog

E' PASQUA, AUGURI A VOI TUTTI!