KOKA

Sono arrivato sempre ultimo sui cambiamenti apportati alla scuola, sono arrivato in tempo con quelli arrivati per andare in pensione. Cosa essenziale è che sono arrivato in tempo a vivere l’amore infinito. Voi direte, ma che nesso c’è tra le due modifiche, soprattutto in uno spazio temporale così ampio? La risposta è semplice, anche le modifiche per la pensione, portano, ancora una volta, gli uomini tra i banchi di scuola, quella che rilascia il diploma dell’arrangiarsi. Per fortuna l’amare infinito non ha bisogno ne di scuole, ne di diploma. CE LA FARO' Ce la farò a navigare a luci spente il faro mi porterà in porto mi accarezzerà l'argento della luna la brezza mi bacerà mi alzerà piano in volo sarà la mia forza per portarti via con me .....ce la farò Ho vissuto bene i tempi di mettete i fiori nei vostri cannoni, la società che cambiava, i giovani che si liberano di tante zavorre, le scuole superiori cominciano a popolarsi di futuri disoccupati, i primi gruppi di amici a strimpellare dentro un sottoscala o in una casetta semi diroccata di campagna, i primi collant. Anche se erano più emozionanti le giarrettiere, soprattutto quelle nere oppure rosse. Fioriva la disinibizione femminile, ma pure quella maschile, tutti mettevano al centro la libertà, l’uguaglianza, il profumo della vita. L’abbigliamento femminile cambiava, le gonne si accorciavano, imperversava il bianco e il nero, il bikini era ormai quasi il solo costume da mare. Si ascoltavano le prime hit parade delle canzoni, giradischi e i mangiadischi portatili erano in ogni casa, in ogni scampagnata assieme a fiumi di pile, nelle auto si diffondeva l’autoradio. Il rock di Elvis Presley riempiva la testa assieme a quello dei Beatles e dei Rolling Stones. Io, invece, con le basette volevo rifarmi a quelle che portava Elvis Presley, senza dimenticare il fascino di Rodolfo Valentino. Elvis Presley diceva “da piccolo, ero un sognatore, leggevo fumetti e diventavo l’eroe della storia, guardavo un film, e diventavo l’eroe del film: ogni sogno che ho fatto si è avverato un centinaio di volte” Da piccolo, ma pure da giovane, sono stato sempre un sognatore, quando ho cominciato ad andare a cinema, ho preferito vedere sempre film romantici. Uno su tutti “Matrimonio all’italiana”. Ho sempre pensato di incontrare una Filumena Marturano, ero certo che le avrei dato una vita diversa, al di fuori dal mondo in cui viveva. Ho pure sognato che potesse essere di colore, forse perché mi affascinavano le lotte di M.L. King, per i diritti dei negri. Con la fantasia ho indossato i panni pure di J.F. Kennedy, quelli di Papa Giovanni XXIII, quelli di Abebe Bikila, il maratoneta scalzo che arrivò primo alla maratona delle olimpiadi di Roma., pure quelli di Livio Berruti, che correva i 100 e 200 metri, con gli occhiali da sole, alla faccia delle leggi sui coefficienti di penetrazione nell'aria. Forse per questo, da ragazzo, ho corso i 1500 metri, certo non era una maratona, neppure la velocità, ma il semplice fatto di essere da solo con me stesso, era una emozione unica. Adesso corro in un altro modo, continuo ad essere un sognatore e mi chiedo quanti anni abbia. Avevo un'auto, piccola ma decapottabile, la mitica “Bianchina”. Era pure bianca con una capote nera, ma particolare. Non era in tela, anzi la tela c’era, però ormai lasciava passare la pioggia. Come fare per renderla impermeabile al massimo? Semplice, sono andato presso una sciala, posto sul mare, dove si vendevano e si mangiavano crude, le cozze nere tarantine, ho chiesto che mi fosse regalato un grembiule in disuso, quello che utilizzavano gli operai assieme a grandi stivali di gomma per proteggersi dall’acqua di mare. Ho trovato della brava gente, che mi ha dato una mano, anzi un grembiule. Poi sono passato in ferramenta e ho comprato un barattolo di bostik, ho unto, accuratamente, tutto il grembiule e l’ho incollo alla capote in tela. Poi con le forbici ho tagliato il contorno e lasciato ad asciugare. Praticamente dentro, l’auto era diventata più che impermeabile. Passano gli anni tra realtà e sogni, tra lavoro e divertimenti, intanto arrivano gli anni 70, ormai mi sento pronto a realizzare uno dei tanti miei sogni, andare al nord, almeno per qualche giorno. Canticchiando le canzoni del momento, viaggio per strade statali e provinciali, attraversando città e paesi di mare, mi dirigo in Romagna, dove già era super famosa Rimini. Sapete quante ore ci ho messo per fare quasi cinquecento chilometri? Ben 10 ore!. Mangiare pochissimo, pane e pomodoro e un filo di olio extravergine pugliese, preso direttamente dal frantoio e di un denso che eccitava il palato, ma faceva venire più fame. Poi un po' di frutta raccolta sulle strade da rami pendenti. Avevo i sedili reclinabili, li avevo fatti modificare, servivano quando mi appartavo con qualche ragazza. Appena arrivato, li ho reclinati ed ho dormito di sasso. La sera ho seguito la musica nell’aria, mi sono ritrovato sul lungomare, illuminato da mille luci tutte diverse, proveniva da una balera. Furoreggiavano musiche notissime a noi giovani italiani, canzoni come “oladioblada”, “bandiera gialla” ed altre ancora, c’era un totale trasporto nella mente, arrivavo a fare il giro del mondo e ritorno. Ma attraeva pure una bella brunetta, capelli neri, taglio rondinella, altina, forse un tantino più di me, ballava e dava baci a tutti i ragazzi. Solo baci. L’ho timidamente avvicinata, ci siamo presentati, piacere Kosi, piacere Katiuscia, lei cominciava a piacermi e ad incuriosirmi. Ho pensato a Ko&Ka, frizzanti come la cocacola. Ho immaginato i suoi baci, al sapore che potevano avere e all’emozione che potevano dare. Dopo qualche minuto, il complessino intona “roma capoccia”, un lento. Penso sia la canzone giusta per un bacio da vedere le stelle. La invito, accetta, la stringo a me. La bacio sul collo, lei gira il viso, le mie labbra scivolano fino ad incontrare le sue. Si incollano. Il complessino smette di cantare “roma capoccia” invece il bacio dura ancora. Altro che stelle, mi dice che le ho fatto vedere l’universo con tutte le sette meraviglie del mondo oltre ad avvertire una scossa lungo la schiena. Rispondo che anch’io ho visto e sentito tutto questo. Dopo un attimo faccio una richiesta al cantante del complessino, “senza luce”. Richiesta accettata ed ancora nuove stelle ancora più luminosissime e nuova scossa, questa volta pure perforante. BALLANDO Con la musica del bar note ritmate che muovono i passi sembra che balli da solo sulla spiaggia invece nella mente ho te tra un passo e l'altro ci guardiamo e sottovoce sussurro che sei il sole le stelle la luna il cielo il mare poi ci baciamo continuiamo a ballare mentre il mare balla con noi a volte ci viene incontro altre volte si allontana le nuvole e il vento corrono a guardarci a sorridere ad applaudire poi vanno via di corsa per farne avvicinare altre mentre noi baciandoci cadiamo in mare Finiamo a parlare su una panchina di pietra bianca, li di fronte al mare. E’ tardi l’accompagno a casa, faccio tanta strada, devo portarla in un paesino distante dal mare, Premilcuore. Accidenti che bel nome, proprio intonato a quanto sto sentendo nel cuore. L’auto viaggia tra le luci dei suoi due fari e la luce della luna piena, ogni tanto la mia mano scivola sulle sue gambe, sbagliavo sempre a trovare la leva del cambio. Arrivati, tiro giù la capote, voglio baciarla sotto la luce della luna.
Una cosa meravigliosamente unica! Appuntamento al prossimo fine settimana, lei lavorava in un bar. Metto in moto, già che conto le ore che mancano al nuovo appuntamento, mi perdo nel ricordo dei baci, perdo pure il controllo dell’auto. In un attimo mi ritrovo illeso, seppure con qualche livido, ma senz’auto. Non era il tempo dei telefonini, non conoscevo il suo cognome, ero soprattutto senza soldi, ho lasciato l’auto a bordo strada, un autista di buon cuore mi ha preso e portato a Rimini. Ho dormito sulla stessa panchina di qualche ora prima, quando ero con lei, nella luna ho visto lei. All’alba la brezza di mare mi ha punzecchiato, svegliandomi, mi toccava fare l’autostop per il viaggio di ritorno, in Puglia, promettendomi di ritornare sul fine settimana. Sono tornato dopo quarant’anni, trovandola più bella che mai. E i baci sono stati sempre con tutte le stelle e i pianeti dell’universo e con tutte le scosse più forti di quelle di un tsunami. Perché l’amore vero, seppure in silenzio, vive sempre nell’infinito e con più beltà. (scritto e firmato da me - aprile 2012)

Commenti

teoderica ha detto…
Cosimo, sono senza parole dal godimento che ho avuto, dall'inizio del post con i Dik Dik all'ultima parola del tuo bellissimo racconto...e la mitica bianchina che sballo.
Un bacio.
cosimo ha detto…
Paola, e' bello restare senza parole, anche le tue parole di apprezzamento e di emozione, hanno portato me lo stesso effetto.
Per me resterà sempre un'auto indimenticabile, e non sai che d'inverno sulle gambe portavo il plaid, era quello il riscaldamento.....(ma poi serviva pure ad altro).
Un bacio e a presto.

PS
Paola cara, non hai fatto in tempo a vedere che ho postato pure due versioni in lingua straniera, svedese e russo. Perchè le statistiche dicono che il mio posto ha lettori pure in queste nazioni.
Katya ha detto…
Complimenti per il tuo prezioso ed emozionante racconto e per le versioni in lingua straniera. Buona serata gentilissimo Cosimo. Ciao!
Sandra M. ha detto…
Caspita che racconto!!!
Sembra impossibile che quegli anni siano così lontani....
Mi identifico parecchio.
cosimo ha detto…
Grazie Katya, soni bellissimi i tuoi complimenti.
Buone cose!!
cosimo ha detto…
Se gli anni nostri sono stati vissuti bene, sono sempre con noi, facendoci vivere bene gli anni di ogni oggi e che ci portiamo mano nella mano.
ivana ha detto…
Accipicchia, sono arrivata in fondo che ero senza fiato ! Quando sono arrivata alla perdita di controllo dell'auto senza quasi rendermene conto ho sussultato e trattenuto il respiro fino all'ultima riga . Davvero un racconto appassionante. Un'avventura di quelle che non si scordano più...in tutti i sensi ... Bella la poesia , la canzone è tra quelle che preferisco dei Dik Dik. . Buona notte
cosimo ha detto…
Buongiorno Ivana!
Un racconto un po' vero e un po' fantasioso di un pezzo di vita. Certo, la parte vera è indimenticabile, ma è pure da non dimenticare la parte fantasiosa. Ma quale è la vera e la fantasiosa?. La canzone, anche o sopratutto nella versione originale, ancora oggi ha un buon seguito di ascolti. Comunque grazie per i complimenti e buon fine settimana!
Debora Suomi ha detto…
Quanto sentimento e quanta sconfinata umanità trasuda il tuo raccontare.
Devi veramente possedere un cuore grande come il mare per sentire l'amore in misura infinita e libero dagli schemi del tempo caro Cosimo.
Buon week-end
Debby
cosimo ha detto…
Debora, quante parole ricche di profumo e di calore del cuore. Grazie!
Il sentimento dell'amore deve essere vasto, se vogliamo dare un senso alla nostra vita. E non è detto che debba interessare solo l'amore tra un uomo e una donna.
Buon fine settimana a te!
alessandra ha detto…
Cosimo ciao, ho letto piacevolmente ogni riga, però ora devo correre al lavoro e non ho il tempo di scrivere, Ti ringrazio per i tuoi bellissimi commenti, per le tue poesie, i tuoi racconti e per ciò che sai trasmettere.
per il momento un carissimo saluto con l'augurio di una buona domenica, appena possibile ripasserò a rileggermi questo bel racconto dove mi sono riconosciuta in moltissime parti..io con un maggiolone portavo in giro quattro amiche,ero un po' matta e loro ricordano di essersi divertite un mondo, avevo il tuo entusiasmo e sogno ancora adesso.
Ciao, ciao
cosimo ha detto…
Ciao Alessandra, sapere che il mio racconto, riporta in te, come in altri lettori, un pezzettino dell'essere stati giovani matti e spensierati, è proprio una bella emozione. Il Maggiolone, la mia prima auto! Comprata in società con un amico. Ce la passavamo, previa accurata rivista dell'abitacolo, al sabato all'ora di pranzo. Poi l'ho lasciato tutto a lui, senza nulla chiedere e ricevere, ero stanco di accollarmi tutte le spese di sua competenza, carburante escuso. Ho comprato, tutta per me la Bianchina, che è riuscita pure a trasportare, me conducente compreso, ben altri sei, tra amiche ed amici.
Nell'augurare un sabato e una domenica entusiasmanti, ti dico che è bello sognare, anche da grandi. Forse anche di più. E tra le altre cose, stoppa gli eventuali pensieri, relativi alla nostra età anagrafica.
Ciaooo

Post popolari in questo blog

E' PASQUA, AUGURI A VOI TUTTI!