GIALLO SOLE




Un mattino freddo
il cielo azzurro
non conosce sfondo
pare artificiale
è un corpo solo col mare
come tra due amanti
lo seguo con gli occhi
guardo pure tutt'intorno
in lontananza l'orizzonte
è il sobborgo
tinteggiato di giallo
dal chiarore del sole
aspiro l'aria fredda
il rumore di un piccolo aereo
apre le porte
dell'andata
del rientro

Commenti

teoderica ha detto…
Sarà che ho freddo, ma la tua poesia mi ha deliziosamente agghiacciato.
Ciao.
cosimo ha detto…
Dopo un deliziosamente agghiacciato, c'è sempre un prerompete accaloramento:-))
Buon fine settimana!

Post popolari in questo blog

E' PASQUA, AUGURI A VOI TUTTI!

SEI TU