L'APPUNTAMENTO INFINITO







L’APPUNTAMENTO

La vita non smette mai di creare appuntamenti senza che noi li abbiamo cercati. Così è capitato a me una sera di primavera del 2004. Ero ad un concerto di Gianni Morandi, cantava “L’amore ci cambia la vita” e proprio sulle prime note, incontro per la prima volta lei.
E’ lei che si presenta a me, mai conosciuta prima di allora, proprio mai. Un incontro che insinua dentro me, il così detto chiodo fisso, incontrarla ancora un’altra volta, per vedere e sentire se fa lo stesso l’effetto della prima volta. Per ripeter ciò, mi devo dare da fare, non conosco neppure il numero del suo telefono.
Mi adopero, con solerzia, per centrare questo primo e vitale obiettivo. Dopo un po’ di ricerche, neppur affannose, ecco il suo numero, sono pronto a chiamare, ho una voglia matta di farlo, mi attacco al telefonino, chiamo. Nessuna risposta. Neppure la voce della segreteria telefonica.
Non rinuncio, voglio parlarle, chiedere, ascoltare, conoscerla meglio, insomma fissare un appuntamento più privato, più intimo, più da occhi negli occhi. Sento che ho bisogno di lei, devo richiamare anche all’infinito, oppure andrò a trovarla all’indirizzo riportato sull’elenco telefonico, sperando sia quello ultimo. Provo a chiamarla alle 8,30 del mattino, è un orario che posso trovarla, forse la disturberò mentre fa colazione oppure è meglio che provi nelle prime ore di lavoro, oppure nelle ore dei pasti, chissà. Prendo tra le mani il telefonino, quasi come a prendere le mani delicate di lei, compongo il numero, la suoneria parte, suona, suona, suona. Poi una voce di donna, che percepisco forzatamente gentile, mi saluta, rispondo al saluto, resto un po’ sulle mie perché non è una voce rassicurante ed emozionante.
Però comincio a parlare, soprattutto di me, di quello che mi è capitato nell’averla incontrata due sere fa. Le dico che è stato come un tuffo al cuore, un lampo e un fulmine insieme. Lei mi fa parlare, poi mi dice che non è come io avevo immaginato, persino sognato e fantasticato. Mi dice che è tutta un’altra cosa, lei  è poco o per nulla sognante, è tutto maledettamente materiale, da far passare ogni voglia di fantasticare al presente ed al futuro. Niente che possa farmi alzare in volo, proprio niente.
Infine, sul mio desiderio di incontrarla, risponde che farei bene a restare dove sono, eliminando ogni mio pensiero velleitario, la realtà, continua, impone proprio di restare lontano da lei. E’ stata una bellezza solo vagheggiata, quella che a volte, muore sul nascere.  Insomma, proprio come capita a un lampo strozzato a cui non segue il tuono, ad un fuoco d’artificio che non spicca il volo dai mortai, muore sul posto assieme al fantasticare della gente con gli occhi già rivolti al cielo buio.
 Ma io, che sono testardo nato, sono pure del toro, non mi rassegno, dentro me vive già il cammino del corteggiamento da cui dovrò ricevere una risposta, anche se potrà essere amara. La perseveranza, poche sere dopo, mi porta a trovare il cielo, è lì, in una stanza, che seppur piccina, è ricca di sorrisi, quelli dati dai gesti, dalle parole, dalle strette di mani, dagli abbracci, dai prossimi appuntamenti. In quei momenti si concretizzava  quello che io chiamo, l’appuntamento senza appuntamento.
Ci prendiamo sottobraccio e iniziamo la nostra lunga passeggiata nella vita, tra strade di mare e di collina,  con le pennellate dell’alba e del tramonto di mare e di collina, con le canzoni cantate un po’ a modo mio, con i travestimenti, dal sapore goliardico, tutto per far sorridere lei. Questo appuntamento non ha solo l’unicità di quel primo incontro, ha pure l’evolversi in meglio, attraverso il calore, i colori, la musica e l’amore per i girasoli, per le coccinelle, soprattutto per una passione senza fine.
La passione del volontariato per  Sua Maestà, Lei, la Signora Demineralizzante.

L'APPUNTAMENTO

 Mi piace pensare
 a queste ore passate
 le sento già
 nei ricordi
 del per sempre
 sono una parte
 misteriosa degli uomini
 per gli uomini
 l'appuntamento
 senza appuntamento
 come fa il cielo
 con la notte
 con il giorno
come hanno fatto
 le ore della vita con noi





INFINITO

Prima o poi finisce
il poco o il nulla
perchè il tanto
il profondo
vive sempre
anche quando
gli occhi
non potranno vedere
le mani
non potranno stringere altre mani oppure scrivere
la voce
non ci sarà più
il cuore
cesserà di battere



Commenti

Sciarada ha detto…
Ciao Cosimo, la vita sa regalare degli incontri indimenticabili, meriterebbe la capacità di affidarsi a lei!
Felice Natale e buon anno nuovo a te e alla tua famiglia!
cosimo de bari ha detto…
Bentornata Sciarda...grazie
...e grazie delle parole e degli auguri, che ricambio ;.)
pia brl ha detto…
è un bellissimo viaggio infinito leggere le tue belle poesie...ciao da piabrl
cosimo de bari ha detto…
Grazie grazie e buone feste !

Post popolari in questo blog

E' PASQUA, AUGURI A VOI TUTTI!