DUE DITA OLTRE IL CIELO





  
Con la musica del mare
il rossore del tramonto
passo dopo passo 
mi porta 
verso la dolcezza della notte
fino all'inebriante fucsia dell'alba
il rumore delle carezze ricevute
e di mille pensieri nuovi
sarà compagno fidato
nei saliscendi del sonno
il soffio del vento
aumenterà il rumore dei treni in corsa
bollicine di salsedine
si poseranno silenziosamente sui finestrini
scivoleranno capricciose
si fermeranno all'alba
saranno ondeggianti rivoli sui vetri
mentre noi saremo
dentro l'un l'altro
ritrovandoci all'unisono
due dita oltre il cielo




Commenti

viola ha detto…
E' sempre così poetico qui nel tuo mare! una buona domenica
Adriano Maini ha detto…
Mi devo proprio marcare "inebriante fucsia dell'alba"!
Ambra ha detto…
Sei riuscito a coniugare in un perfetto equilibrio lirico amore, acqua, mare e vento con l'immagine di un treno in corsa
teoderica ha detto…
Sulle noti dolci di Rod Stewart si snodano le tue parole, che parlano sempre di amore, sempre uguali e sempre diverse...perchè Cosimo non provi a proporre una tua poesia perchè non diventi una canzone d' amore?
La aggiusti un poco e voilà sono sicura che salterebbe fuori una magnifica canzone.
Ciao.
cosimo ha detto…
per Viola,

il mare è poesia e musica all'unisono.
Grazie e buona settimana!
cosimo ha detto…
per Adriano Maini,

l'alba ha colori e sfumature uniche al pari del tramonto. Ma ha una magia in più. Forse dipende dal fucsia.
cosimo ha detto…
per Ambra,

il treno è il mio mezzo di trasporto che piace di più. Mi permette di osservare tutto o quasi come se stessi correndo nell'aria. Ho detto correndo e non volando. Poi un treno che percorre una litoranea lunghissima è il massimo.
cosimo ha detto…
per teoderica,

.....cara Paola, grazie per il suggerimento, ma non conosco cosa sia una nota musicale. Anzi non ho mai conosciuto neppure una nota in condotta ai tempi della scuola. Come dire stonato al massimo, tranne che quando canto, accompagnato dalla musica, canzoni come "Una lunga storia d'amore", "Senza luce" oppure "Meraviglioso"
Adesso ti dico, qualcosa di personale. E cioè che questi versi li ho scritti qualche giorno fa, come se fossi stato un veggente, per quanto ho poi realmente vissuto.
Tornando al suggerimento, mi cimenterò con qualche programmino che forse è in giro sul web.
E così capiterà di trovare un delfino, come cantautore nelle hit parade, accanto ad una bellissima sardella.
Un beso musicato.

Post popolari in questo blog

E' PASQUA, AUGURI A VOI TUTTI!

SEI TU